PIANIFICAZIONE
NUTRIZIONE E INTEGRAZIONE
SPORTIVA

NUTRIZIONE
SPORTIVA

QUANTITA' E QUALITA'

Alimentarsi in maniera corretta è importante per tutti, sopratutto per mantenersi sani, ma per chi pratica sport sia a livello amatoriale che professionistico, una corretta nutrizione in termini quantitativi e qualitativi, è una condizione imprescindibile.

Chi pratica una disciplina sportiva è sottoposto non solo ad aumentate richieste energetiche ma anche ad un elevato turnover proteico a causa delle continue sollecitazioni meccaniche che giornalmente  la pratica sportiva sottopone i  muscoli, tendini ed articolazioni.

Indipendentemente dal tipo di disciplina praticata, chi fa’ sport è sempre sottoposto a  fasi anaboliche e  cataboliche, sintesi proteica e catabolismo muscolare si alternano incessantemente.

CORTISOLO FORTE ALLEATO

Ricordiamoci che per quanto l’attività sportiva possa essere piacevole e gratificante, lo sforzo necessario per svolgerla attivera’ la stessa cascata ormonale quale ipotalamo, ipofisi ed infine ghiandole surrenali che produrranno cortisolo, il famoso ormone dello stress ma anche ormone a spiccata azione catabolica.

Il cortisolo non e’ un ormone “negativo”, anzi e’ grazie ad esso se la nostra specie non si è estinta milioni di anni fa’.

Il cortisolo verrà prodotto indipendentemente sia che facciamo una corsa al parco con amici, sia che percepiamo una situazione di pericolo reale o apparente.

In ogni caso il cortisolo libererà zuccheri nel torrente ematico che poi ci permetteranno di alimentare i nostri muscoli dopo essere stati trasformati in ATP.

Più l’attività e’ lunga ed intensa, maggiore sarà la mia produzione di cortisolo e conseguentemente maggiore sara’ il mio catabolismo muscolare.

Per chi vuole dare uno stimolo alla sintesi proteica, dovrebbe sapere che dopo un’attivita’ prolungata ed intensa, ad esempio, un allenamento con sovraccarichi, si ha un picco di produzione di cortisolo molto importante, per questa ragione chi pratica attivita’ di pesistica non dovrebbe mai far durare l’allenamento troppo a lungo, altrimenti l’organismo utilizzerà i muscoli come carburante per l’allenamento (cannibalismo muscolare), ottenendo l’esatto contrario a ciò che era l’obiettivo di crescita muscolare.

CHI FA SPORT E' SOTTOPOSTO
SEMPRE A FASI ANABOLICHE E CATABOLICHE

CARBOIDRATI E PROTEINE

Una corretta nutrizione sportiva deve tener conto delle aumentate richieste sia in termini di carboidrati, necessari a ripristinare le scorte di glicogeno nei muscoli e fegato, sia di aminoacidi introdotti con le proteine alimentari e necessarie per la sintesi proteica e per sostituire quelli che sono stati utilizzati nella gluconeogenesi.

Chi si occupa di nutrizione sportiva deve conoscere il timing relativo ai tempi di digestione degli alimenti che si decide di assumere in prossimità di un allenamento o competizione, ma soprattutto saper personalizzare quantità e tipologia di alimento anche in base ai tempi di svuotamento gastrico individuale.

Molti sportivi sperimentano spesso disturbi gastrointestinali o sensazione di “pesantezza” alle gambe durante una gara o allenamento quando ci si e’ alimentati con scarso anticipo o per errata scelta dei cibi. Fondamentale sarà la personalizzazione dei pasti in base alla tipologia e orario di allenamento o gara.

METODO NUTRIREGOLA
PER LO SPORT

Lo staff di Nutriregola e’ in grado di pianificare la nutrizione per sportivi sia amatoriali che agonisti di tutte le discipline che sono alla ricerca della massima performance.

INTEGRAZIONE
SPORTIVA

INTEGRAZIONE
FONDAMENTALE

Cominciamo col dire che è diventato fondamentale integrare cio’ che purtroppo i cibi ormai non riescono più a fornire in termini di cofattori enzimatici.

Cofattori enzimatici come minerali e vitamine devono essere sempre disponibili per legarsi agli enzimi e permettere che tutte le reazioni chimiche possano avvenire senza subire blocchi o rallentamenti.

La quantita’ di cofattori necessari ad un enzima per poter funzionare efficientemente, e’ strettamente personale e ha una estrema variabilita’ anche in base alla propria condizione fisica e di salute.

Prima di parlare di integrazione sportiva bisogna chiarire il concetto che la funzione dell’integratore e’ quella di colmare le lacune del cibo moderno .

In quest’ottica l’integratore non e’ qualcosa che fa’ correre piu’ veloci o saltare piu ‘ in alto come  una pozione magica , altrimenti parleremo di Doping sportivo , assolutamente vietato oltre che potenzialmente pericoloso per la salute.

L'INTEGRATORE HA LA FUNZIONE DI COLMARE LE LACUNE DEL CIBO MODERNO

OBIETTIVO PRINCIPALE:
AUMENTO DELLA PERFORMANCE SPORTIVA

Lavorando a stretto contatto con sportivi amatoriali ma anche professionisti di tutte le discipline sportive, abbiamo potuto costatare che l’integrazione e’ molto spesso prescritta senza conoscere le reali carenze personali di un atleta.

Abbiamo notato che a molti veniva consigliato di assumere integratori quasi “a caso” con il rischio in primis  di non integrare  cio’ che serve, esponendo l’atleta ad inutili sovraccarichi ed inoltre non gli si permette di esprimere la sua  massima performance possibile.

L’ obiettivo dell’integrazione nello sportivo e’ quello di permettergli di esprimere il massimo della performance per piu’ tempo possibile, evitando di incorrere in infortuni spesso causati da un non corretto recupero ma anche dal voler “forzare “anche quando energeticamente non piu’ in grado di portare avanti un allenamento o competizione.

Chi non pratica uno sport con finalità competitive ma solo per piacere o per stare bene, può’ sempre scegliere di non allenarsi quando si sente “fiacco” o non al meglio, ma per chi pratica una attività sportiva agonistica, questo non e’ possibile perché’ ci sono allenamenti di squadra o  tabelle allenamenti pianificati che se non rispettati, farebbero saltare la programmazione .

NUTRIREGOLA E L'ANALISI DEL
PROFILO METABOLOMICO

Il massimo livello di personalizzazione dell’integrazione sportiva e’ ad oggi lo studio del profilo metabolomico, l’unico test che consente una integrazione mirata che altrimenti non sarebbe possibile fare.

Per questo motivo tutti gli atleti professionisti o amatori che vogliono migliorare la loro performance sotto l’aspetto energetico, non possono rinunciare a questo test.

L’analisi del profilo metabomico e’ parte integrante insieme alla nutrizione regolativa del percorso the flow,i nostri nutrizionisti specializzati sapranno guidarvi in questo percorso.

CONDIVIDI QUESTO CONTENUTO

Pianifichiamo
nutrizione e integrazione
per farti potenziare
la performance sportiva