non-riesco-a-dimagrire

Dottor Marcello Meloni

Non Riesco a Dimagrire: La Resistenza Leptinica Potrebbe Essere la Causa?

Sei una di quelle persone che faticano a dimagrire nonostante tutti gli sforzi? Non scoraggiarti, potrebbe esserci una spiegazione scientifica dietro questa frustrante situazione. Oggi parleremo di una condizione chiamata resistenza leptinica, che potrebbe essere responsabile dei tuoi ostacoli al dimagrimento. Sono il dottor Marcello Meloni, ideatore del metodo nutriregola, biologo nutrizionista, laureto magistrale in scienze della nutrizione umana con oltre 20 anni di esperienza sul campo, ho frequentato l’Open Academy of Medicine (scuola di alta formazione in Nutrizione Clinica, Metabolismo e Neuroimmunomodulazione), negli ultimi anni mi sono specializzato in nutrizione sistemica, medicina sistemica, reumatologia sistemica e oggi ti fornirò preziosi consigli su come superare questa situazione.

Cos’è la Leptina e il suo Ruolo nell’Appetito e nella Lipolisi

La leptina è un ormone prodotto dalle cellule adipose che svolge un ruolo fondamentale nella regolazione dell’appetito e nel processo di scissione dei grassi nel corpo. In parole semplici, la leptina comunica al cervello quando abbiamo mangiato a sufficienza e quando è il momento di attivare la lipolisi, cioè la scissione dei grassi immagazzinati per produrre energia. Tuttavia, se sperimenti difficoltà a dimagrire, potrebbe essere a causa di una resistenza leptinica, dove il cervello non riconosce correttamente il segnale di sazietà inviato dalla leptina.

Due Diverse Situazioni: Perché Alcuni Faticano a Dimagrire?

Ci sono due diverse situazioni tra le persone che cercano di dimagrire. Ci sono coloro che ottengono risultati immediati e costanti, senza provare una fame eccessiva, mentre altri faticano a vedere progressi significativi. La differenza sta nella resistenza leptinica. Se hai una resistenza leptinica, potresti provare una costante sensazione di fame nonostante i tuoi livelli di leptina e grasso corporeo siano elevati. Questo può rendere difficile seguire una dieta ipocalorica tradizionale e portarti a rinunciare ai tuoi sforzi di perdita di peso.

I Fattori che Contribuiscono alla Resistenza Leptinica

Per comprendere appieno la resistenza leptinica, è importante conoscere i fattori che possono contribuire a questa condizione. Il sonno irregolare, gli spuntini notturni, le condizioni infiammatorie croniche, lo stress eccessivo, l’attività fisica insufficiente, l’eccessivo consumo di zuccheri e cibi trasformati, così come la disbiosi intestinale e la permeabilità intestinale possono influire sulla sensibilità alla leptina. È fondamentale affrontare questi fattori per ridurre la resistenza leptinica e facilitare il dimagrimento.

Strategie per Ridurre la Resistenza Leptinica

La buona notizia è che puoi adottare alcune strategie efficaci per ridurre la resistenza leptinica e finalmente iniziare a vedere progressi significativi nella tua perdita di massa grassa. Segui questi suggerimenti:

1. Dieta Antinfiammatoria

Una dieta fortemente antinfiammatoria è essenziale per combattere la resistenza leptinica. Evita cibi trasformati, bevande zuccherate e grassi trans. Aumenta il consumo di frutta, verdura e cereali integrali ricchi di fibre. Integratori come gli Omega-3 possono aiutare a migliorare la sensibilità alla leptina.

2. Digiuno Intermittente

Il digiuno intermittente è una tecnica che può migliorare la sensibilità leptinica e insulinica. Tuttavia, è importante eseguirlo in modo corretto e sotto la supervisione di un professionista.

3. Ripristino dei Ritmi Circadiani

Recupera i tuoi ritmi circadiani regolari. Dormi a sufficienza e cerca di mantenere un programma di sonno coerente. Riduci gli spuntini notturni e segui un modello di alimentazione che rispetti i ritmi naturali del tuo corpo.

4. Gestione dello Stress

Lo stress può influire sulla resistenza leptinica. Utilizza tecniche di respirazione, come il rilassamento e la meditazione, per ridurre i livelli di stress. L’attività fisica regolare può anche aiutare a gestire lo stress e migliorare la sensibilità alla leptina.

 

Il Percorso Nutrizione Regolativa e il Protocollo C-Diet Evo

Il nostro percorso Nutrizione Regolativa, essendo basato su una nutrizione fortemente antinfiammatoria, recupero dei ritmi circadiani ormonali e l’utilizzo di tecniche innovative quali il digiuno intermittente e altre tecniche legate, ad esempio alla respirazione che serve per abbassare i livelli di stress, può essere considerato ad oggi il miglior metodo per migliorare la sensibilità leptinica. Per questo motivo, abbiamo messo a punto un protocollo accelerato chiamato. C-Diet Evo, nel quali si alternano fasi di nutrizione circadiana classica C-Diet a fasi di nutrizione regolativa, personalizzandola durata delle fasi in base alla condizione di partenza e agli obiettivi che si vogliono raggiungere.

Conclusioni:

La resistenza leptinica può essere un ostacolo frustrante per chi desidera dimagrire. Tuttavia, comprendendo le cause e adottando le giuste strategie, è possibile superare questa sfida. Seguendo una dieta antinfiammatoria, evitando cibi trasformati, praticando il digiuno intermittente e adottando un approccio nutrizionale regolativo, puoi ristabilire la sensibilità alla leptina e raggiungere i tuoi obiettivi di dimagrimento. Contattaci per una consulenza personalizzata.

Condividi questo articolo

Categorie Articoli

Ricevi gli ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

NEWSLETTER

Se hai trovato interessanti questi contenuti
e vuoi migliorare il tuo stato di forma generale

Compila il form contatti
e richiedi informazioni oppure una consulenza